Reti per raccolta olive, alcuni consigli

0
195

L’olio d’oliva è il condimento per eccellenza che troviamo sia nella cucina mediterranea che in altre cucine del mondo. E’ reperibile in molte varietà, dalle più economiche alle più costose ovviamente. In genere l’olio extravergine d’oliva è suggerito per via del suo sapore oltre che per i benefici che esercita sul corpo umano.

È infatti un noto antiossidante da consumare sempre a crudo per ottenere i molteplici aspetti positivi di cui sentiamo parlare ogni giorno. Ma venendo al tema principale delle questione parliamo delle reti per raccolta olive, uno strumento molto importante che permette appunto di portare (dopo la raccolta e la lavorazione) l’olio sulle nostre tavole.

L’olio d’oliva è il risultato della lavorazione delle olive e ne occorrono molte per tale procedimento. Ma per una raccolta sicura e voloce servono assolutamente le reti, ovvero l’oggetto protagonista di oggi nonché strumento importantissimo per i raccoglitori.

Informazioni sulle reti per la raccolta delle olive

Un raccoglitore alle prime armi ha bisogno di conoscere gli strumenti idonei per lavorare al meglio. Sappiamo infatti che chi opera in questo campo può perdere moltissimi guadagni durante la raccolta delle olive. Perché questo? È semplice, in questa specifica fase le olive possono essere colpite da insetti, funghi e malattie. Tutto questo solamente perché cadendo per terra si contaminano o vengono gustate da piccoli animali. Dunque occorre attenzione, oltre che conscere le tempistiche. È sufficiente 1 giorno per perdere molto del proprio raccolto e se condideriamo che vi sono persone che nella vita fanno questo per vivere non è affatto piacevole. Visto nell’ottica lavorativa è come un calo di lavoro!

Reti per la raccolta delle olive: perché sono consigliate?

Le olive quando sono pronte vengono raccolte. Infatti grazie alla caduta spontanea, l’uomo deve solamente raccogliere i chili di olive da trasportare così al frantoio. Tuttavia, come già detto le olive sono prese di mira da insetti, funghi e non solo. Se il raccolto è compromesso, lo stesso guadagno che viene ricavato dalla vendita dell’olio va a svanire. Ricordiamo inoltre che proprio come avviene per la frutta, anche le olive si possono danneggiare non appena toccano il suolo. È l’urto a creare delle ammaccature ed a danneggiare così l’alimento.

Quindi è facilmente intuibile che il raccolto a numerosi fattori per essere ridotto anche drasticamente. Ma solo le mani esperte di un raccoglitore, il quale sfrutta mezzi idonei (come le reti) può far si che questo non capiti o comunque che i danni siano ridotti.

Ma sono tutte uguali le reti? Ovviamente no! In passato non erano come i modelli che oggi si possono reperire in commercio. Si trovano infatti reti per olive o addirittura per la frutta. I raccoglitori fanno molto uso delle reti a nodo d’ape, ma anche quelle antispina sono buone. Molti sono i fattori che determinano l’uso e il tipo di rete per il lavoro della raccolta. Ricordiamo appunto il tipo di alimento interessato, il terreno in cui si trova e non solo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here